lunedì 30 settembre 2013

Ti regalo un giardino - la lista nozze in verde



“La tua casa potrebbe apparire sulla copertina di una rivista patinata, ma il tuo giardino è triste come un lunedì mattina di pioggia? Ti stai per sposare e hai già la lavatrice?”

Così si presenta l’homepage di Ti regalo un giardino, il nuovissimo e divertente servizio offerto da quattro giovani paesaggisti di Torino e Genova, vincitori del Bando Regionale “Progetti innovativi di creatività digitale ideati da giovani”.

Giardini, balconi, terrazzi, piscine sono progettati e realizzati su desiderio degli sposi. Amici e parenti invece, potranno accedere a una green list online, visualizzare la planimetria dell’intervento, le piante, gli arredi e scegliere come contribuire al regalo stando comodamente seduti in poltrona.

giovedì 26 settembre 2013

Orto-paesaggio




Peperoni al posto dei cipressi e fronde di prezzemolo. È la Toscana di Carl Warner, fotografo inglese celebre per i suoi paesaggi di frutta e verdura. Completano il suo omaggio al Bel Paese l’interno di una cucina e uno scorcio di mercato, tutto rigorosamente costruito con ingredienti italiani.

L’ispirazione gli arriva un giorno qualsiasi di oltre dieci anni fa quando, camminando tra le bancherelle del mercato, per la prima volta Carl guarda dei funghi e immagina strani alberi di un mondo alieno. Quei funghi-albero saranno i protagonisti del suo primo “Foodscape”.

Credits

lunedì 23 settembre 2013

Moda, succo di carota e caffè



Si è concluso ieri So critical so fashion l’evento milanese dedicato alla moda critica, etica e indipendente. Materiali ecologici, biologici ed equosolidali sono stati la parola d’ordine e tra i numerosi espositori non potevano dunque mancare i capi stampati con inchiostri a base di spezie e verdure (e rigorosamente “fatti in casa come le conserve”) di Altriluoghi, il progetto astigiano che “coniuga moda e cibo in salsa sostenibile”.



C’è la maglietta al caffè da stirare al mattino per sprigionarne l’aroma, quella agli spinaci, dedicata “ai novelli Popeye e alle Olivia alla moda" e quella Ortista, con inchiostro di carota e curry, realizzata in collaborazione con Mirco, lo stilista-ortista che da anni coltiva L’orto di Michelle, uno strepitoso blog dedicato ai lati inaspettati e fashinosi dell’orto. E gli aspiranti coltivatori fashion? Possono iniziare con il seminare il cartellino della T-shirt Ortista, realizzato con semi di carota impastati nella carta riciclata.

E poi c’è RighT-shirt la maglietta di Altriuoghi realizzata con inchiostro vegetale derivato dalla barbabietola che devolve il 40% del valore d’acquisto a ActionAid, un’organizzazione internazionale indipendente che opere in oltre 40 Paesi a favore dei diritti delle donne, del diritto al cibo, del diritto delle persone di avere parte nelle scelte che li riguardano.

Credits

martedì 17 settembre 2013

Lampadario scaccia vampiri


Vietato a chi soffre di pressione bassa. 

Il lampadario a testa d’aglio è l’ultima originale creazione di Anton Naselevets, designer ucraino che ha fatto della natura e degli oggetti d’uso comune, la sua principale fonte d’ispirazione.

La Garlic Lamp, così si chiama questo stravagante lume, nasce da una cena casalinga: un piatto di borsch, una zuppa tipica della cucina dell’Europa orientale a base di barbabietola rossa, una fetta di pane fresco e aglio. L’aglio diventa così per Naselevets una sorta di simbolo dei valori della famiglia, delle tradizioni e dello stare insieme in un luogo caldo e accogliente come la cucina, dove ritrovarsi la sera, rilassarsi e ricevere gli ospiti per gustare insieme qualcosa di buono.

Credits
http://www.behance.net/gallery/Garlic-lamp/6060989

lunedì 16 settembre 2013

Animali dell'aia a Bucolica





Si è conclusa ieri Bucolica, la tre giorni dedicata al vivere country che ogni anno, in settembre, si tiene nella splendida cornice di Villa Castelbarco, alla porte di Milano. Un progetto che vuole avvicinare il pubblico alla filosofia della vita in campagna, a un ritorno alla natura e a una maggiore consapevolezza negli acquisti, privilegiando materili naturali e lavoro artigianale di qualità.

Fulcro della manifestazione è la mostra-mercato, dove gli oltre cento espositori dell’edizione di quest’anno hanno saputo ricreare ad arte le calde e accoglienti atmosfere delle più belle dimore di campagna: dagli “spettinati” cottage inglesi alle raffinate e romantiche tenute provenzali, passando per lo stile più selvaggio delle fazende argentine. Tra i protagonisti più simpatici gli animali dell’aia. Galli, oche e faraone realizzati in ferro, legno e tessuto per decorare il giardino e la casa.

Credits
Animali in latta di Hirondelle
Galli di Carmilla di Carla Di Fonzo
Oche in tessuto ferma porta di Original Sara Jane Bowles
Tennesee: un gallo nel far west di Bendin Anna Rosa

lunedì 9 settembre 2013

Gelato alla salvia, très chic


Delle erbe aromatiche sembra proprio che non si possa più fare a meno. Architetti paesaggisti e riviste patinate le infilano ovunque… e non solo quando si tratta di prezzemolo!

Un giardino che si rispetti non può non annoverare tra i suoi esemplari l’ultima stravaganza in fatto di salvia, il basilico, dall’orto, presto arriverà in salotto e il caro vecchio rosmarino, che un tempo finiva dritto in forno con le patate, adesso ecco che ce lo infilano pure nel gelato. E già, perché tra i gusti più pazzi dell’estate 2013, si posizionano ai primi posti rosmarino e albicocca, more e basilico viola e salvia. Ma mica una salvia qualsiasi, e no. Per un gelato da veri gourmet la migliore è la Salvia rutilans, una varietà dall’inconfondibile aroma di ananas.

Buoni saranno buoni, ma soprattutto: très chic. 

lunedì 2 settembre 2013

Ispirazione orto





Cipolle, carote e sedani affettati, sezionati e "cucinati" non per il solito stufato ma per creare posate e stoviglie biodegradabili.



La linea si chiama Graft ed è interamente realizzata in bioplastica PLA. A realizzarla il geniale designer cinese Qiyun Deng, un master presso la ECAL/Ecole cantonale d'art de Lausanne in Svizzera e un’idea non da poco: prendere in prestito strutture e forme dal mondo vegetale e utilizzarle per altri scopi. Dopo quattro mesi tra studio di consistenze, colori e pratiche di fusione, ecco un servizio usa e getta che nessuno avrà il coraggio di buttare!