venerdì 21 febbraio 2014

Jasminum nudiflorum, il gelsomino invernale a fiore giallo


Che sia l'ultima fioritura dell'anno vecchio o la prima dell'anno nuovo non l'ho ancora capito. Jasminum nudiflorum, più comunemente conosciuto come gelsomino invernale, falso gelsomino o gelsomino di San Giuseppe, perché proprio in marzo la sua fioritura precoce raggiunge l'apice, è decisamente la pecora nera della nobile famiglia dei gelsomini per il suo temperamento un po’ ribelle, ma irresistibilmente generoso.   

I suoi ramoscelli sermentosi e leggeri e i suoi petali sottili nascondono un carattere non da poco e una vitalità sconosciuta ai più. Il gelsomino invernale è capace di crescere e moltiplicarsi in terreni poverissimi e nella più totale trascuratezza a ridosso di muretti e in cortili semi-abbandonati. Noncurante dei tempi e delle stagioni, gli basta un tiepido raggio di sole dopo i primi freddi di novembre per schiudere i primi boccioli con mesi di anticipo e i suoi vivacissimi fiorellini gialli, del tutto simili a quelli del gelsomino bianco estivo, resistono al gelo e illuminano il paesaggio innevato.

Il gelsomino invernale predilige un terreno leggero e può essere facilmente coltivato in un vaso o in una fioriera sul balcone esposto a est o messo a dimora in piena terra in autunno o a inizio primavera in una posizione soleggiata o di mezz’ombra.

Se coltivata in vaso va annaffiato regolarmente, evitando però ristagni d’acqua e aspettando che il terreno sia asciutto prima di irrigare nuovamente; in giardino va annaffiato subito dopo l’impianto e nei periodi maggiormente siccitosi. In entrambe i casi possono essere necessarie potature di contenimento al termine della fioritura.

Il gelsomino invernale, a differenza di quello officinale estivo, è una pianta molto rustica, che non teme il gelo e difficilmente viene colpito da malattie e parassiti, ha rami più sottili e flessibili che rendono la pianta particolarmente adatta a essere coltivata come ricadente, quasi sempre si moltiplica da sé, per propaggine, ed è perfetto per chi vorrebbe un angolo fiorito, ma ha uno scarsissimo pollice verde. L’unico perdonabile neo per una piantina tanto generosa è l’assenza di profumo.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...