martedì 31 maggio 2016

Jars and flowers, come la nonna



 

In primavera c’erano i lillà, poi toccava alle rose e talvolta faceva la sua comparsa un giglio bianco. Immancabile qualche rametto di alloro “perché un po’ di verde ci vuole”. Per vaso un bicchiere spaiato o un barattolo di vetro. Erano la decorazione floreale della casa di campagna dei nonni, dove d’estate si giocava tra cugini, a correre o in bicicletta o sotto il vecchio fico vicino alla scalinata d’erba che scende all’orto.


Noi bambini siamo cresciuti, ma per fortuna tutto il resto è rimasto così: il fico vecchietto, le chiacchiere sull’erba, e i bouquet della nonna, colorati, spettinati e bellissimi.


Sarà perché le piccole cose dell’infanzia ci restano nel cuore, sarà perché tutti sentiamo il bisogno di riconciliarci con la natura, sarà che la mia nonna è una flower designer e non lo sa.

Mazzolini di fiori raccolti tra prato orto e giardino e sistemati in barattoli in vetro come centro tavola o appesi ai rami di un albero, sono diventati il “dictat” della perfetta cena in giardino e del ricevimento en plain-air.

 Immagini via Pinterest

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...